Auricularia auricula judae

Auricularia auricula-judae

Boletus luridus erythroteron

Boletus luridus erythroteron

Boletus luteocupreus

Boletus luteocupreus

Cantharellus ferruginascens

Cantharellus ferruginascens

Collybia confluens

Collybia confluens

Coprinus comatus

Coprinus comatus

Cortinarius cinnabarinus

Cortinarius cinnabarinus

Cortinarius rufo olivascens

Cortinarius rufo olivascens

Craterellus cornucopioides

Craterellus cornucopioides

Cystolepiota aspera

Cystolepiota aspera

Geastrum fimbriatum

Geastrum fimbriatum

Hygrophoropsis aurantiaca

Hygrophoropsis aurantiaca

Laccaria amethistina

Laccaria amethistina

Lactarius intermedius

Lactarius intermedius

Lactarius salmonicolor

Lactarius salmonicolor

Lepiota cristata

Lepiota cristata

Limacella guttata

Limacella guttata

Lycoperdon perlatum

Lycoperdon perlatum

Lyophyllum conglobatum

Lyophyllum conglobatum

Macrolepiota procera

Macrolepiota procera

Phallus impudicus

Phallus impudicus

Ramaria pallida

Ramaria pallida

Russula amethystina

Russula amethystina

Russula raoultii

Russula raoultii

Russula vesca

Russula vesca

Tremella mesenterica

Tremella mesenterica

Tricholoma ustale

Tricholoma ustale

10. Di che cosa sono composti?

Ovviamente la composizione cambia da specie a specie. In linea generale però è certamente l’acqua il principale elemento che compone i funghi. L’acqua rappresenta circa il 90% del totale. Per il resto vi sono sali minerali e pochissime proteine. I grassi sono pressoché assenti. Il contenuto calorico di un chilogrammo di funghi freschi è assai ridotto, circa 200-300 calorie. Contengono inoltre quantitativi diversi a seconda delle specie di una sostanza detta “micosina” molto difficile da digerire dai succhi gastrici dell’uomo; per questo alcune persone dopo il consumo di funghi commestibili hanno sintomi assimilabili a quelli che si presentano durante una indigestione.